Ritorna Christian Bale in “The Flowers of War” il kolossal cinese di Zhang Yimou

Torna sui grandi schermi Christian Bale in "The Flowers of War" , il kolossal di Zhang Yimou, ad oggi il massimo sforzo produttivo della cinematografia cinese, con i suoi 94 milioni di dollari di budget.  "The Flowers of War"  è incentrato sul massacro di Nanchino, uno degli episodi più spaventosi della guerra d'invasione giapponese in Cina: oltre 200mila persone trucidate nella città conquistata, migliaia di stupri. Christian Bale interpreta un cinico avventuriero americano, John Miller, che trova rifugio all'interno di una chiesa-collegio insieme alle sue allieve e ad un gruppo di prostitute in fuga. Nel film Christian Bale si schiererà dalla parte di queste donne, difendendole e rischiando il tutto per tutto per salvarle. flowers of war - christian baleChristian Bale si è buttato con passione in questo ruolo come suo solito. Amiche, pensate che nel 2004 per girare "L' uomo senza sonno" l'attore inglese è dimagrito una trentina di chili, con una dieta fai da te a base di insalate e sigarette. Ma la cosa più divertente è che Christian Bale ha ammesso di avere fatto molto più fatica a modellare in palestra il suo corpo per il ruolo di "Batman": "Da inglese, sono più incline al pub che alla palestra. Star lì a fare tutti quegli esercizi è una noia mortale. Più ti si ingrossano i muscoli più ti si rimpicciolisce il cervello!" Purtroppo questo film non ha un bell'epilogo. Il giorno dopo avere presentato ufficialmente "The Flowers of War" a Pechino, Bale ha fatto un viaggio di otto ore con un pullmino della Cnn per andare a conoscere Cheng Guancheng, un dissidente cinese che ha scontato quattro anni di prigione per avere denunciato gli aborti forzati, subiti dalle contandine della sua zona, nella Provincia di Shandong. All'uomo è tutt'ora impedito di muoversi e ricevere visite. Per questo Cristian Bale  è stato violentemente bloccato da un inferocito gruppo di guardie che l'hanno cacciato mentre cercava di raggiungere la casa dell'uomo. Da donne a da donne, se il film cercava di riscattare l'immagine della Cina, la realtà dei fatti non lo ha fatto per niente!      

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>