Valeria Marini e il suo nuovo film “I want to be a soldier”

Valeria Marini, alias Valeriona nazionale, una che non manca mai di far parlare di sè e scatenare accuse e polemiche, è di nuovo nell'occhio della critica a causa del nuovo film di cui è produttrice  "I want to be a soldier" diretto dal regista Christian Molina. Il film s'interroga su un quesito molto delicato e attuale, ovvero se la violenza proposta dal cinema e dalla televisione possa, in qualche modo, influenzare i più giovani al punto da spingerli a commettere atti criminali. E proprio per la trama in questione Valeria Marini tiene a precisare che "I want to be a soldier"  non è una pellicola-denuncia contro la televisione, bensì un invito ad affrontare tematiche importanti e attuali come il modo in cui la tv veicola le informazioni, o come i genitori dovrebbero proteggere i loro figli da ciò che viene trasmesso sullo schermo, o ancora come le immagini di violenza vengono percepite dai più giovani. Da donne a donne... non abbiamo ancora potuto vedere il film ma per una volta non siamo in disaccordo con l'intento di Valeria Marini! Anche se è paradossale che un film riguardante il mondo dei giovani rischi di venire censurato ai minori di 14 anni!    

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>