I selfie con il rossetto sbavato

Buongiorno care lettrici di ShoppingDONNA,
farsi i selfie è diventata un'azione che fa parte del nostro quotidiano, una tendenza che sembra non finire mai. Ma cosa succede quando il selfie incontra una buona causa? Dopo aver visto il nostro Instagram e Facebook inondarsi di video per la Ice Bucket Challenge, per questo inverno i protagonisti saranno i selfie con i rossetti sbavati.

La campagna si chiama #SmearForSmear, ideata da Jo’s Cervical Cancer Trust, ed è stata lanciata per sensibilizzare ad eseguire i controlli di prevenzione per il cancro all'utero. "Smear” in inglese significa macchia, ma indica anche il pap-test, ovvero il principale strumento di prevenzione contro questo tipo di tumore.

Uno dei primi volti che si è prestato alla causa è stato quello di Georgina May Jagger, che ha invitato subito a sua volta le amiche e colleghe Cara Delevigne e Suki Waterhouse. Ma non sono ovviamente le sole star che hanno partecipato a questa iniziativa. Rita Ora è stata la seconda, dopo Georgina, a pubblicare il suo selfie. E anche gli uomini hanno iniziato a partecipare, anche se le immagini possono essere molto ironiche allo stesso tempo aiutano a far conoscere #smearforsmear.

In Italia ogni anno vengono diagnosticati 3.500 casi di tumore della cervice, anche se la percentuale di mortalità è estremamente bassa. Questa campagna dimostra come i social network possano essere anche fonte di azioni positive, e di come un semplice selfie possa diventare un modo per sensibilizzare anche le ragazze più giovani.

E voi, avete già condiviso un selfie con il rossetto sbavato? 

selfie con rossetto sbavato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>