Trend: Granny Hair

Buongiorno care lettrici di ShoppingDONNA,
sembra che per questo 2015 la moda voglia puntare tutta l'attenzione alle "nonne".

Prima abbiamo visto Dolce&Gabbana, tra gli altri, scegliere modelle over 70... ora ci troviamo tra le tendenze capello più seguite i granny hair. Abbiamo da sempre temuto il primo capello grigio, tanto da cercarlo anche con una lente d'ingrandimento, e ora vogliamo davvero avere i capelli argentati?
Pare di sì, e sono molte le celebrities che lo hanno già provato.

Vengono chiamati Granny hair perché letteralmente significa "capelli della nonna".
Di solito amiamo i capelli grigi, o brizzolati, in un uomo... ma se realizzati bene in effetti possono essere molto affascinanti anche su di una donna. 

Questo trend è nato in America, ed è esploso con le foto su Instagram delle star che lo hanno provato. Adattissimo al Coachella, alla Fashion Week e agli amanti di manga e cosplay.

C'è chi ovviamente lo aveva già provato in passato, tra cui Pink (nel 2008), Nicole Richie al Met Ball del 2013, Lady Gaga (innumerevoli volte) o Kelly Osbourne.
Io stessa ero tentata di farlo due anni fa, ma con un colore più vicino al biondo platino che al grigio.

rihanna granny hairOttenere questo colore non è facile! 
Per prima cosa bisogna schiarire completamente la chioma con l’acqua ossigenata, fino a ottenere un bianco puro. Questa operazione può richiedere diverse ore a seconda del colore di partenza, ma soprattutto distrugge i capelli. Questo passaggio, però, è fondamentale, perché qualsiasi residuo del colore naturale rischia di lasciare i capelli con delle spiacevoli sfumature giallastre.
Questo procedimento rovinerà molto i vostri capelli, dunque pensateci bene prima di procedere!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>