Eco-Sofisticata con la pelliccia

L'anno scorso abbiamo imparato a gestire l’"animalier" che c’è in noi, a volte puntando sull’eccesso, altre sul retrò. Quest’anno siamo pronti ad affrontare le prossime stagioni fredde con l’esperienza di chi ormai l’animalier l’ha domato e gli ha insegnato anche il bon ton.

Il dramma della pelliccia si è trasformato in una storia a lieto fine grazie alle pellicce sintetiche e al sostegno ottenuto da grandi nomi della moda, Stella McCartney tra i più noti. Non c’è da stupirsi se la pelliccia entra a far parte dei capi titolari invernali presenti nel guardaroba.

EcoPellicciaCover

Ma la pelliccia in questione si sta anche specializzando nella forma e nella dimensione.
La versione a pelo lungo, caldissima, può arrivare fino a sopra il ginocchio e crea l’effetto orso, adatto a tutti quelli che amano non prendersi troppo sul serio, meglio se in colori molto vivaci.
La versione a pelo corto, ricorda più un coprispalle d’altri tempi, può essere arricchito con spille (vintage) e si presta bene sia a colori pastello che a maculati.

Questa settimana le cinque regole d’oro pubblicate su internazionale erano dedicate al tema “combattere il freddo”. Vi riporto la regola numero 1: Se ti metti sciarpa e guanti a novembre, a gennaio ti rimarrà solo la pelle d’orso. Quindi, agli amanti della pelliccia sintetica, si richiede ancora un po’ di pazienza, compratela adesso, ma aspettate che le temperature scendano per indossarla.

EcoPellicciaLunga

EcoPellicciaCorta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>