Londra: Bici e baci

Bici fa rima con baci? Leggete qui e vi passerà la voglia. Pronti? Londra in bici è un’esperienza... diciamo... toda gioia toda beleza?  Per le portatrici sane di Graziella o simili, questa città è sconsigliata, qui ci sono solo eccezionali casi umani, nel senso di uomini maschi, su due ruote. Adesso, va bene tutto, eh! Ma ci sono quelle due o tre cose che bisognerebbe vi raccontassi, così per tenere alto l’orgoglio nazionale.

londra in biciLa tutina di Lycra: hey tu, maschio alfa inglese, tu lo sai già: non sei mai davvero un ciclista se il tuo corpo (ciccia compresa) non è votato a lei completamente. La tutina di Lycra ad alta visibilità (con sopra gli sponsor del giro di Pomigliano d’Adda, of course), quella con l’imbottitura proprio lì, perché il sellino non ti consumi i gioielli di famiglia. Il fantastico tutone, che se solo tu avessi  le orecchie saresti uguale a Superpippo, ti fa sentire Cipollini ai tempi d'oro. OK, OK, io sono tollerante, eh, ma c’è una legge non scritta, ma che tutte le donne, soprattutto le italiane conoscono: l’unico uomo che può permettersi di portare la calzamaglia con l'Isolotto in bellavista senza essere ridicolo è Bolle quando balla con le balle che bollono. (Oh, l’ho detto, scusate!)

tutina di Lycra, bici Londra

La bici da un milione di dollari: per carità uno spende i propri soldi come gli pare, eh! Se non li spende in biglietti della metro è meglio. E perfino il maschio inglese l’ha capito, però, l'Homo Sapiens della City, pensa che se va in bicicletta qui non puoi fare brutta figura... Devi averne uno cool di velocipide. Anche se sei enorme, hai la panza rimboccata sul bordo del pantalone e sembri Giuliano Ferrara che si è inghittito Coppi e Bartali mettendo fine ad una disputa pluriennale, la bici deve essere da un milione di dollari.

bicicletta

L’inglese figo, come minimo c’ha una Specialized con un copertone fine fine come i tanga di Belen quando va al mare. Il peso del velo d’oro è la metà di quello della Belen e il prezzo circa lo stesso... dell’auto che lasciano in garage per risparmiare, ma almeno è verde e fa "green".

I 200 all’ora: cosa c’avranno da correre questi inglesi in bicicletta, ché se arrivano troppo presto poi la pasta è cotta al dente e gli fa schifo?...  Avranno lo “spotted dick” in forno pronto ad accoglierli? Non si sa. E io sono lì con la mia bici Graziellina-style tranquilla e pedalante e... sbaam, passa accanto uno in bici a 200 all’ora e mi fa vedere i sorci in multicolor per lo spavento. Eh, sì, poi sono sempre un po’ preoccupata... per fortuna li becco tutti fermi al semaforo, sudati come anguille e faccio loro ciao ciao.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>