Noia da ufficio tra pause caffè e cibo spazzatura!

Amiche, la noia fa male, noi lo sappiamo benissimo...soprattutto alla linea! A quante di voi capita, nei momenti morti in ufficio, o giusto per distrarsi cinque minuti dal lavoro di scrivania, di alzarsi, andare davanti alla macchinetta in corridoio, e bersi un caffè, magari accompagnato da uno snack al cioccolato? Un'indagine presentata alla conferenza annuale della British Psychological Society, tenutasi a Chester, da Sandi Mann della University of Central Lancashire, ha mostrato che circa un impiegato su quattro, sfoga la propria noia da noia da ufficio - cibo spazzaturaufficio nel cibo spazzatura, recandosi magari più volte al giorno alle macchinette automatiche del proprio luogo di lavoro, a spillare caffè, cioccolato e snack. Tutto a discapito di linea e salute! La noia da ufficio porta svantaggi ai dipendenti ma anche alle aziende. L'80% di chi soffre di noia da ufficio infatti è afflitto da perdita di concentrazione, che per oltre il 50% dei casi diventa poi causa di errori sull'impiego svolto. Chi è sommerso dal lavoro, tanto da doverselo portare a casa anche negli orari extra ufficio, probabilmente storcerà il naso leggendo questo articolo. Eppure quasi la meta' degli intervistati dichiara che la noia da ufficio potrebbe persino indurli a lasciare il proprio lavoro. Da donne a donne, trovare il giusto mezzo non è mai semplice, certo è che se le mansioni assegnate fossero piu' avvincenti e gratificanti, ci si annoierebbe di meno, si farebbero meno errori, si farebbero meno pause caffè e si mangerebbe meno cibo spazzatura!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


(required)

Acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità art.3c

Desidero essere contattato e ricevere comunicazioni promozionali dalla società art.3b

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>